La storia

La Casa di Riposo di Cornedo Vicentino è dedicata ad Umberto e Alice Tassoni, donatori alla loro morte, di un lascito testamentario cospicuo in favore del Comune stesso.

Il dottor Umberto Tassoni era figlio del dottor Enrico, classe 1860, un emiliano che dalla sua Barichella, in provincia di Bologna, venne a Cornedo come medico condotto nel 1885 e sposò nel 1890 Maria Pia Zamperetti , di Brogliano.

La coppia ebbe tre figli, due maschi e una femmina. Umberto, il primogenito, nato il 21 dicembre del 1891, si laureò in medicina e si dedicò specialmente alla cura delle malattie tropicali.

Nella sua vita, molto movimentata, soggiornò a Milano, a Bologna, a Roma, e poi prese residenza nel Congo Belga, oggi Zaire, assieme ad Alice Hartmann di Monaco di Baviera, che aveva sposato a Bologna il 14 settembre 1943. Nello Zaire Umberto diresse una grossa proprietà che, a quanto dicono gli amici che gli facevano visita, era molto bella e vasta.

Umberto però non si dimenticò mai del suo paese, anzi ritornava ogni anno a Cornedo “su una grossa auto americana”. Portava qui i lavori artigianali dello Zaire e li cedeva agli organizzatori della festa patronale o ne ornava la casa paterna.

Ad un certo momento, per ragioni di salute, ritornò in Italia, a Roma e a Bologna ove morì il 9 marzo 1951. Aveva sessant’anni.

Alla moglie Alice aveva espresso le sue volontà: che il suo corpo fosse cremato e che le ceneri fossero tumulate nel cimitero di Cornedo; inoltre che i suoi beni andassero agli Anziani bisognosi del Comune di Cornedo. La Signora Alice si adoperò, nei quattro anni di vita che le rimasero dalla morte del marito, perché le sue volontà andassero rispettate ed attuate.

La signora Alice morì alle ore 8 del 3 febbraio 1955. Aveva steso il suo testamento su 13 fogli, tutti datati e firmati di suo pugno, in cui erano disposte dettagliatamente le proprie sostanze, gli impegni e gli interessi non portati alla soluzione, da chiudere da parte dei beneficiati.

Il patrimonio andò in parte a famiglie e persone amiche e nella maggior parte (immobili, beni mobili, libretti bancari, gioielli, azioni) al Comune di Cornedo perché si interessasse alla costruzione di una casa di riposo per anziani bisognosi.

La Costruzione della nuova Casa di Riposo prese avvio nel novembre del 1960 su progetto dell’arch. Tullio Panciera di Vicenza e terminò nel marzo del ’62, avendo creato 53 posti letto e tutti i servizi.

Successivamente seguirono altri interventi di ristrutturazione, adeguamento ed ampliamento, fino alla data odierna.

foto_alice

Alice Hartmann e Umberto Tassoni